21 aprile 2017

CARTAMODELLO

Cartamodello

Modello di qualsiasi articolo d'abbigliamento disegnato su carta. Le diverse parti vengono appoggiate sul tessuto, pelle, ecc. che poi verrà ritagliato seguendone le diverse forme. Si usa ancora in sartoria, in piccoli laboratori artigiani, in prototopia. E' talvolta inserito in giornali di moda femminile.

Oggi la costruzione del modello, nel processo produttivo di una azienda di abbigliamento, è sempre più affidata all'elettronica che mette a disposizione dei modellisti strumenti che si integrano perfettamente con le operazioni manuali o, addirittura, le sostituiscono perfettamente, allo scopo di portare a massima efficienza le operazioni di campionatura e successivo sviluppo dei prototipi, poiché la riduzione del costo del tessuto è importante. [1]  Quindi meno o niente più uso di carta, ma soprattutto tempi di lavoro ridotti. La razionalizzazione coinvolge, naturalmente, anche la parte del taglio, dove il tagliatore trova il suo piazzato sul file elettronico.




[1] Per migliorare la resa del grafico di piazzamento suggerendo delle modifiche nei modelli o nella pezza di stoffa. Il primo tipo di opportunità viene comunemente denominato combinazione dei modelli. Il più importante fra essi è l'esame della posizione del drittofilo per assicurare il miglior posizionamento possibile dei modelli nel grafico di piazzamento. In alcuni casi lo spostamento di un drittofilo può permettere il posizionamento di piccole parti in zone che altrimenti andrebbero sprecate, per esempio nel giro della manica di una giacca o di una camicia messa vicino ad un'estremità del grafico di piazzamento. In altri casi il drittofilo viene spostato per permettere un migliore posizionamento di pezzi più grandi sistemati per l'intera larghezza del tessuto. (Harold Carr / Barbara Latham - Manuale della confezione - Ed. Tecniche nuove, 1990, p. 17)   

Inglese: paper pattern

STORIA - Il 1862 è la data ufficiale della nascita del cartamodello, dove Charles Butterick inventa il cartamodello, per riprodurre qualsiasi capo di vestiario in maniera non più approssimativa. Esistono però vari libri di modelli sia quello dello spagnolo Juan de Alcega nel 1589, con il titolo "Libro De Geometria, Practica, Y Traca". Non si tratta veramente di un libro di modelli, ma di un tentativo di proporre un metodo di organizzazione del taglio del tessuto che è ogni giorno più caro. Questo tentativo è il punto di partenza per la creazione di differenti metodi di costruzione e di organizzazione del lavoro. Si, perché prima di avere un cartamodello, il modello era tracciato direttamente su stoffa e tagliato da esperti tagliatori. Ma ancora prima c'era un altro sistema, ancora più antico, cioè quello di modellare direttamente sulla persona il tessuto ricavando pince e riprese in base alla conformazione fisica del cliente; in pratica un po' come faceva Madaleine Vionnett, che conosceva bene questi metodi antichi. E sono passati quasi 200 anni prima di vedere la nascita di un cartamodello.



Rames Gaiba
© Riproduzione riservata



Link per iscriverti a TRAMA E ORDITO su Telegram
il modo più semplice per non perdersi nessun post
e notizie e contributi esterni (quest'ultimi dalla pagina Facebook)

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non potranno essere utilizzati a fini pubblicitari di vendita prodotti.
Non è accettata la condivisione del post a fini pubblicitari.
Il linguaggio deve essere corretto, non offensivo per le persone e per le loro idee.
La responsabilità per quanto scritto nell'area Discussioni rimane dei singoli.

Grazie per l'attenzione.

Rames GAIBA
Email: rames.gaiba@gmail.com

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.